Qua su Luxemozione, sin dalle origini, nel lontano 2007, sono stati trattati con particolare entusiasmo temi legati all’illuminazione, al risparmio energetico e al rispetto dell’amiente (annessi e connessi). Il controllo delle risorse a disposizione è uno dei punti saldi alla base del design in generale, in particolare quando si parla di Lighting Design la questione si fa più ardua, perché proprio all’illuminazione è legato a doppio filo il controllo dei consumi energetici.
In questo senso la politica che sta spingendo fuori dal mercato le tanto amate lampade ad incandescenza (nemiche numero uno dell’ambiente – OMG) , ha definito la diffusione massiccia di sorgenti così definite “a risparmio energetico” tra cui le CFL (Compact Fluorescent Lamp), che però, come più volte trattato qua su Luxemozione, tutto sono fuorchè “green”, visti i materiali di cui sono costituite, tra questi una piccola percentuale di mercurio, alla base del funzionamento di tutte le sorgenti fluorescenti lineari e compatte

Ricordate: le sorgenti a risparmio energetico non vanno gettate nel sacco dei rifiuti indifferenziati, ma raccolte separatamente e riciclate.

Per questo motivo gli scorsi giorni è nata Eucolight, la nuova associazione Europea dedicata ai rifiuti RAEE del settore Lighting; Ecolamp, Consorzio italiano per il recupero e lo smaltimento di apparecchiature di illuminazione, è tra i fondatori. L’associazione Eucolight, con sede a Bruxelles, è stata costituita per rispondere positivamente a queste sfide e interagire in maniera efficace con gli altri enti e associazioni di categoria Europei. Eucolight lavorerà per migliorare il sistema normativo che fa capo ai rifiuti del comparto dell’illuminazione, per assicurare eque condizioni all’interno del sistema (il cosiddetto level playing field), per supportare lo sviluppo di adeguati standard internazionali, per fornire un orientamento e un supporto ai propri membri.

Juan Carlos ENRIQUE, presidente neoeletto del comitato direttivo di Eucolight e direttore generale di AMBILAMP (Spagna) dichiara “La creazione di Eucolight è un’importante pietra miliare per i Sistemi Collettivi Europei specializzati nella raccolta e riciclo delle lampade e degli apparecchi di illuminazione, che ora avrà un volto e una voce a Bruxelles. Eucolight aiuterà a rafforzare le attività e i servizi in Europa dei propri membri, oltre a aiutarli a promuovere migliori servizi di riciclo dei prodotti di illuminazione, con l’obiettivo di raggiungere un’efficiente circular economy”

Per ciò che riguarda l’Italia, la nuova Direttiva Europea sui RAEE, recepita in Italia ad aprile 2014 (D.Lgs 49/2014), ha avuto un impatto maggiore sul comparto dell’illuminazione rispetto a qualsiasi altro settore industriale. Nonostante il singolo prodotto abbia un peso contenuto, il numero di sorgenti raccolte e riciclate in Europa è di molto superiore a quello di tutte le altre tipologie di apparecchiature elettriche. Inoltre, a differenza della maggior parte degli altri rifiuti RAEE, raccogliere e riciclare lampade non genera alcun valore economico. La maggior parte delle sorgenti luminose sono in aggiunta fragili e pericolose, fattori che le rendono difficili da trasportare e che rendono necessari impianti di riciclo specializzati.

La partecipazione a Eucolight è aperta a qualsiasi Sistema non-profit di riciclo dei RAEE e stabilito in Europa, che adempia agli obblighi di Responsabilità Estesa del Produttore del settore Lighting. Sono attualmente soci Eucolight Sistemi Collettivi RAEE provenienti da 16 differenti Stati Membri dell’Unione Europea.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here