HomeLAMPADEaltre tecnologieO-LED100, una luce migliore per un futuro migliore

O-LED100, una luce migliore per un futuro migliore

-

White Oled Vi ricordate il progetto OLLA consorzio europeo di aziende ed università, capeggiato da Philips, per lo sviluppo dei White-Organic LED (W-OLED)?

Bhe nell’agosto di quest’anno ha terminato, come previsto, le attività. Progetto finito? Assolutamente no! infatti OLLA rappresenta il primo passo nel processo di miglioramento della tecnologia OLED, prima fase conclusasi dunque nell’agosto scorso con il raggiungimento degli obiettivi prefissati: efficienza luminosa di 50.7 lumen/watt ed una luminanza di 1.000 cd/m² ed una vita media  garantita di 10 mila ore.

Ma OLLA non si ferma qua, cambia solo nome, ora si chiama Oled100.eu (come il sito internet di riferimento per il progetto). Oled100 ha dunque come base di partenza gli importanti successi di OLLA e soprattutto un finanziamento della comunità europea per 12,5 milioni di euro.

L’intero progetto ha come punto di riferimento il nuovo accordo internazionale sulla salvaguardia ambientale  della Comunità europea chiamato “pacchetto 20-20-20” che tra l’altro impone una riduzione del 20% delle emissioni di CO2 entro il 2020.

Ciò che Oled100 si propone come punto di arrivo  è un prodotto più duraturo, con una luce sicuramente migliore e più prestante:

• Miglior efficienza luminosa (100 lm/W)
• Maggiore vita media (100.000 h)
• più ampia area emittente (100×100 cm²)
• minor costo (100 Euro/m²)
• standardizzazione del sistema.

(avete capito perchè si chiama 100???? 😉 )

Sicuramente obiettivi importantissimi, infatti tra gli altri una efficienza ed una vita media migliore significano meno costi di gestione e quindi non solo meno sprechi dovuti al funzionamento diretto, ma anche una riduzione degli sprechi dati da elevati cambilampada, che comportano, soprattutto per le sorgenti  a scarica,  smaltimento di prodotti dannosi in essi contenuti.

Un progetto importantissimo che vede tra gli attori del consorzio (così come OLLA) importanti aziende ed università:

• Bartenbach LichtLabor GmbH, Austria
• European Photonics Industry Consortium (EPIC), France
• Evonik Degussa GmbH, Germany
• Fraunhofer Institute for Photonic Microsystems (IPMS), Germany
• Microsharp Corporation Limited, Great Britain
• Novaled AG, Germany
• Océ Technologies B.V., The Netherlands
• OSRAM Opto Semiconductors GmbH, Germany
• Philips Technologie GmbH, Business Center OLED Lighting, Germany
• Philips Technologie GmbH Forschungslaboratorien, Germany
• Physikalisch-Technische Bundesanstalt (PTB), Germany
• Saint-Gobain Recherche S.A., France
• Siemens AG, Germany
• Technische Universität Dresden, Institut für Angewandte Photophysik, Germany
• Universiteit Gent, Belgium

che dire Interessante!!!! no?

alla prossima.

Articolo precedenteA scuola di LED
Articolo successivoIlluminare meno? Illuminare meglio!
Giacomo
Giacomohttp://www.rossilighting.it
Giacomo Rossi, architetto e lighting designer free lance, fondatore di Luxemozione.com. Dopo anni di attività nella progettazione della luce, fonda assieme ad altri colleghi LDT-Lighting Design Team , studio multidisciplinare di progettazione della luce. Alla progettazione affianca l'attività come docente presso il Politecnico di Milano e altre importanti scuole di architettura e design. tra cui IED Istituto Europeo di Design. E' inoltre autore di articoli su riviste del settore illuminotecnico. Dal 2014 è membro del Consiglio Direttivo di Apil-associazione dei professionisti dell'illuminazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.