HomeLAMPADEaltre tecnologieContinuaLight: pannelli luminosi flessibili

ContinuaLight: pannelli luminosi flessibili

-

Spulciando qua e la, alla ricerca di un prodotto che mi consentisse di illuminare uniformemente una superficie di vetro di diversi metri quadri, ho scovato in internet questo interessante prodotto, distribuito in Italia dalla ContinuaLight.
Si tratta di pannelli che funzionano con tecnologia LEC (light Emitting Capacitor), molto simile alla tecnologia EL (elettroluminescenza) dalla quale deriva in maniera diretta.
Costruiti utilizzando film polimerici stampabili, simili a prodotti laminati plastificati a base polimerica, sono costituiti da fogli di piccolo spessore, leggerissimi ed estremamente flessibili, contenenti fosfori di altissima qualità che, eccitati da un basso campo elettrico, si illuminano.
Più nel dettaglio applicando una tensione tra lo strato di polimero conduttore PET-ITO e l’elettrodo, si genera un campo elettrico che eccita gli atomi di fosforo ad essi interposti che producono fotoni.


Grazie alla flessibilità della tecnologia LEC e attraverso l’uso di materiali organici innovativi, i pannelli possono essere facilmente lavorati, assumere diverse forme e, grazie all’uso di filtri, raggiungere colorazioni ed intensità di luminosità diverse.
I pannelli LEC sono disponibili in diversi formati per rispondere alle diverse esigenze di utilizzo.
Oggi il pannello di maggiori dimensioni è 91 x 183 cm., ma sono in fase di sviluppo formati più grandi. L’intervallo della temperatura di colore è compreso tra 750K e 11000K.
La vita media di questi pannelli (forse unico neo di questo prodotto) è funzione dell’intensità luminosa emessa: per 300 cd/m2 (valore massimo raggiungibile fin ora) si ha una vita media relativamente bassa: circa 5000 ore (si pensi che una normale lampada florescente ha una vita media maggiore di 12.000 ore), al diminuire dell’emissione luminosa aumenta la vita media e quindi per 50cd/m2 (minimo ottenibile) si ha una vita media di 15.000 ore.
Ritornando alla mia ricerca, proprio quest’ultimo dettaglio mi ha fatto capire come quest’elemento non fosse assolutamente adatto ai miei scopi…forse opterò per una soluzione a LED non so…certo è che comunque questi pannelli rimangono molto interessanti per applicazioni che non devono avere, come nel mio caso, come caratteristica principale la facilità di manutenzione e durata nel tempo.

cosa ne dite?

ciao

Articolo precedenteEnergy saving
Articolo successivoMIlano: Luci della città del futuro
Giacomo
Giacomohttp://www.rossilighting.it
Giacomo Rossi, architetto e lighting designer free lance, fondatore di Luxemozione.com. Dopo anni di attività nella progettazione della luce, fonda assieme ad altri colleghi LDT-Lighting Design Team , studio multidisciplinare di progettazione della luce. Alla progettazione affianca l'attività come docente presso il Politecnico di Milano e altre importanti scuole di architettura e design. tra cui IED Istituto Europeo di Design. E' inoltre autore di articoli su riviste del settore illuminotecnico. Dal 2014 è membro del Consiglio Direttivo di Apil-associazione dei professionisti dell'illuminazione.

7 Commenti

  1. guarda…ad essere sincero non so quanto costino, magari domani chiamo e mi informo…comunque la mia sensazione è uguale alla tua…un sacco!

  2. Salve a tutti, bhè questi pannelli sono molto interessanti ma posos dirvi che io sto provando i prodotti ad elettroluminescenza e mi sto trovando davvero bene… entro i primissimi di marzo 2008, mi arriverà un pannello test bianco di grandezza 40×60 cm che emetterà 1200 CD… quindi da come vedo i pannelli elettroluminescenti sono più luminosi… sono curioso di attendere l’arrivoe l’accensione per un eventuale illuminazione ambientale, arriveranno anche i cavi luminosi a varie intensità… volendo maggiori info per perosnalizzare questi prodotti o per acquisti, basta cercare la ditta stemshop che sarà sicuraente disponibile ad accontentarvi, loro commercializzano dalle maglie sfiziose tipo quelle con equalizzatiore, a qualsiasi prodotto per l’illuminazione o gadget. Vi farò sapere come troverò questi prodotti… o cmq vedete il sito che sicuramente prossimamente riporteranno info più dettagliate. Buona giornata.

  3. Ho sperimentato con l’elettroluminescenza per diverso tempo ed ho testato prodotti di vari produttori, Italiani, cinesi, americani, coreani.

    L’ effetto e’ bellissimo , non c’e’ dubbio, ma per le possibilita’ di impiego, devo dire che, esclusi i casi dove esiste la reale necessita’ di dovere disporre di uno spessore intorno al millimetro ed una superficie flessibile,non sono poi molte.( Escluso ovviamente l’impiego per scopi decorativi o super specialistici , come pannelli luminosi a membrana in spazi ridotti, ad esempio.

    Hanno diversi punti deboli (sempre a mio parere) in primo luogo l’alimentazione, alta tensione e frequenze nel range dell’udibile (tipicamente 500-4000 hz, che si traducono in un sibilo acutissimo ed in molti casi inaccettabile) Secondo punto debole il costo, davvero esagerato specie quando le dimensioni sono importanti.
    Troppo sensibili all’umidita’ con conseguente possibilita’ di danneggiamento della superfice e disomogeneita’ dell’illuminazione.

    Difficili da customizzare in proprio ( ri laminare dopo il taglio), specie se si volesse utilizzarli per creare quegli effetti, davvero notevoli , come il ricavare sullo stesso pannello zone da accendere in sequenza.

    Per quanto riguarda l’uso in ambito di illuminazione ambientale , per ora la vedo parecchio dura ( se ne parlava gia’ venti anni fa e credo che se la tecnologia avesse avuto possibilita’ di sviluppo del genere i risultati si sarebbero visti)

    Comunque non si sa mai

    Se ho un attimo di tempo e li ritrovo ritrovo vi posto i link di un po’ di applicazioni super.
    Buon divertimento . (

    P.S.

    L’EL e sempre stato considerato elettricamente un condensatore, avevo letto tempo fa di una azienda che li ha ridefiniti LEC, e credo che in sostanza di cio’ si tratti, una redifinizione, anche perche’ non vedo sostanziali differenze costruttive nel metodo di produzione ( mi ero messo in mente di produrli, e quindi ho fatto indagini a proposito e raccolto documentazione a riguardo) .
    Sarei interessato a capire meglio la questione.

  4. se vi puo’ interessare io ho trvato dei pannelli a led molto sottili circa mm 8 sono in metalcrilato ed hanno un’ ottima efficenza luminosa i formati sono svariati e si possono avere annche a disegno misura minime mm 60×60 massima mm 3000 x 1500 , due colori uno freddo ed uno caldo ma la cosa piu’ interessante e’ che la loro durata e’ di 50000 ore e l’ azienda produttrice li garantisce inoltre per due anni di garanzia .
    ps sono usati anche per illumunazione e hanno un risparmio energetico davvero interessante
    ciao contattatemi se interessati che vi fornisco nome dell’ azienda produttrice
    ciao
    mjrko

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.