Qualche settimana fa, forse ricorderete, si è chiuso il call for ideas organizzato da L-RO lighting related organizations, volto a raccogliere spunti per iniziative da realizzare in occasione dell’International Year of Light 2015 (IYL2015) di cui lungamente si è parlato su Luxemozione.

Solleticato dagli spunti notevoli, raccolti nelle interviste pubblicate , non potevo farmi sfuggire quest’opportunità e, assieme ad Helena Gentili, supportati da APIL – Associazione dei Professionisti dell’Illuminazione, abbiamo presentato Light Ride – Milano, iniziativa volta a spiegare l’importanza della Progettazione della luce in ambito urbano, tema che (ma forse lo avrete già intuito) mi sta particolarmente a cuore. Lo strumento utilizzato trae spunto dal più classico Night Walk o Night Seeing ™ già da tempo applicato in ambito internazionale.

Il video qua sotto mostra , a titolo d’esempio, l’attività svolta dalla Lighting Designer Newyorkese Leni Schwendinger.

 

Vero punto di novità, a dire il vero già manifesto nel titolo dell’evento, sarà nel mezzo di trasporto; Light Ride Milano non sarà dunque una passeggiata notturna, ma un tour in bicicletta a scoprire il “night scape” di Milano, a manifestare l’importanza della progettazione della luce della città.

In tema di progettazione della luce in ambito urbano vi rimando ai seguenti articoli:

Social Lighting, luce che riqualifica lo spazio urbano

La dimensione sociale della luce nella città: pratiche, esempi, progetti pilota

RE:VISIONE del progetto della luce della città: la dimensione sociale

Light Ride non solo è stata selezionata da L-RO ed inserita nel programma per International Year of Light 2015, ma, visto il tema trattato, è stato inserito tra i “Sister Project”, ovvero iniziative meritevoli che verranno usate come format per eventi in altre Città. Chissà, magari dopo Light-Ride Milano sarà la volta di Light Ride London?

Light Ride-Milano, visti gli obbiettivi di IYL2015, offre la possibilità di comprendere meglio le criticità ed i valori del paesaggio notturno di Milano, attraverso un tour guidato in bicicletta nel centro storico della città. L’evento sarà guidato da lighting designer professionisti e rivolto ad architetti, designer e studenti di scuole di architettura e design, la dimensione massima del gruppo, per ragioni di sicurezza, non sarà superiore ad una ventina di persone. Il tour (sponsor permettendo) potrà essere replicato per più serate.

 

Fine primario dell’evento è analizzare lo spazio urbano e l’architettura di notte, illuminati dalla luce artificiale e meglio comprendere come, a tutti gli effetti, la progettazione del paesaggio luminoso urbano di notte, è fondamentale a migliorare la percezione e la qualità dello spazio pubblico.

I punti di interesse, oggetto della visita, sono stati accuratamente selezionati in considerazione della rilevanza storica, sociale e culturale per la città di Milano, molti dei quali soggetti ad interventi di progettazione illuminotecnica negli anni passati.

Mappa Milano Night Ride
Light Ride Milano mappa dei percorsi.

L’idea è quella di utilizzare, come mezzo di trasporto per il Light Ride Milano il servizio di bike sharing BikeMI, preferito al formato più comune della passeggiata, in considerazione proprio delle nuove politiche di trasporto della città di Milano. La nostra città, infatti, come altre in Europa, si sta muovendo verso una maggiore consapevolezza dell’uso intelligente di questo mezzo di trasporto, in alternativa ai veicoli a motore.

light ride Milano

In occasione dell’evento dunque, oltre a promuovere la cultura del progetto della luce, vorremmo sensibilizzare ad una mobilità consapevole della città anche di notte; nella serata dell’evento le biciclette verrano personalizzate con i dispositivi a LED di illuminazione temporanei, aventi la doppia funzione di sicurezza e di segnalazione dell’iniziativa.

Per maggiori informazioni sull’iniziativa, per donazioni o alte info invia una mail a visita la pagina dell’evento: Light Ride Milano

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here